Ricerca nella pagina:
 
ENAV - Edizione Nazionale degli Antichi Volgarizzamenti dei testi latini nei volgari italiani
Home » Banca dati ENAV » Indice degli incipit e degli explicit

Indice degli incipit e degli explicit

tutti incipit explicit Tipologia testuale: prosa poesia
a
Ave Maria, ki si' di lu chelu regina, / plena di gracia, tanta reluchenti
infini ki in quistu mundu nui stamu, / et poy in la sua gloria pervegnamu
Ave, Virgini Maria, ki di gracia si' plina. Ave, stilla matutina di stu mundu tinibrusu
Ave, templu di deitati di lu re di la victoria:e l'Angili beati a ti fannu memoria cum honor et gloria
c
Comenca la cronica di santo Isidero minore
Qui finisce la cronica di sancto Isidero minore
Comu misser sanctu Iheronimu conforta li soy dixipili chi non changianu nè si attristanu, ma si allegranu di la sua morti. Et incomenza lu primu libru, czoè di lu transitu»
Explicit: «Iczà finixi lu libru di lu transitu et vita di misser sanctu Iheronimu, u per manu di Iacobu Cavallu, currenti l’annu di la viª indicioni M. CCCC.LXXIII, lu misi di agustu, in Cathania, so fidili devotu»
Cosma e Damiano, frati carnali, foru nati in la chitati di Egia, e foru figli di una fimmina religiusa ki havia nomu Theodora
Et alcuni homini foru intandu a lu sepulcru di Mauru, ki li era minu di la carni di l'una coxa una grandi quantitati
Credo in uno Ideu, veru signuri, / eternu patri tantu omnipotenti
Et però guarda a nui, Signuri supernu, / da li cochenti peni di lu infernu.
Cum zo sia cosa ki intra tutti li animali creati da lu altissimu maistru criaturi di tutti li cosi li quali sunu sutamisi ala humana genuaaciuni nullu animali sia plui nobili di lu cavallu
E sachi quandu li lesiuni di li pedi e di llunghi... casuni di choui oi di [ligni]... dintru di [lu uinu] di llunghia ... inchouatura...
d
Da za incumenza lu primu libru di Virgiliu, in lu quali si conteninu li fortuni ki Eneas passau in lu mari di Libia
Si kistu Nikide, in tucti li autri cosi li quali dichi di Eneas, si accorda cum lu excellenti poeta Virgiliu supra dictu.
Detto innella prima parte del libro de le tre cose principali ke s'ademandavano, ora seguita de dire in questo secondo tractato de li corpora celestiali
Respondo ke questo è per grande callideçça ke àne a consumare quella cotale humiditate, sì che non abisogna a loro come a li altri animali quadrupedi.
Di li Sichiliani si legi chi su facili a lamintarisi et a quilli a li quali non ponu suctamectiri si forczanu difamari
Di la vita et conversacioni di re Fidericu / Di la Epistola di Herrigu eremita a re Robertu.
e
E scesi Mošèh de lu monti a lu populu e dissi ad issi: «Apperessimati e ricitati li dece cunmandamenti».
Ca per lu peccatu de la bidia la salva∫ina malvasa  špurca a la terra, e li re gherjjanu chillu averi loru de li fili de li omini, e lu štaricamentu veni a lu mundu
Ego Boetius, io Boetio
in tuum aium nellu tou animu velut como che rebore valli la fortecze
El citron è un fruto asà noto, el quale ven chiamado in greco pomo de aqua
Quando i cavilli ven brusé, la soa vertù sì se fa simele a la vertù de la lana brusà, çoè a dire che li scalda, e sì desecca cum forte exiccatiom e callefactiom.
et di kistj ^ di li 9 sindi avi parlatu di supra. Resta a parlarj i(n) kistu ultimu capitulu di lu plu(m)bu (et) di lu stagnu.
et kista aq(ua) fa dissolvirj (et) mollifica om(n)j corpu (et) ritenp(era) o(mn)j sp(irit)u.
Et lu gloriusu apostolu, in lu supradictu parlari, chi dà una maraviglusa doctrina et amaystramentu parlandu inversu di li divoti animi
Finis, Deo gratias. Quista è una opera in brevi parlari a oy veru composta, la quali fichi santu Bernardinu per amaystramentu et doctrina di li animi divoti e fidili.
f
Fu uno monaco desideranti Dio et di li soy maraviglusi (cosi) ki sunnu nel mundu, et i
Allora andai cum lui, et subitu,chi retruvamu in una bella contracta nellaquali eranu multi novitati; et infra li altri chi era quista, la maiuri, çoè ‘Figlu del Re, miser Iesu Cristu, al quali sia gloria et hunuri per infinita secula seculorum amen
i
Ideu ti salvi, o di lu mari stella
su tre et unu in equalitati, uno solo Deu, una summa bontati.
In primis si tracta lu acquistamentu di lu Regno di Sichilia factu per Archadiu depoy di la rebellioni di Maniachi in lo Regno
Et cussì quisto re Martino pacificamenti lo Regno di Sicilia felicimenti sucta lo suo dominio possessi, lo quali morendo, havuta la victoria di Sardigna, successi re Ferdinando di Aragona. A li m° cccc° xxviij° vij° indicionis.
affliggiasi omni iornu pirfina ki di menti li passau omni temptacioni carnali e rumasi quietu in lu serviciu di
Et non putendu plui sustiniri et illu ischiu di la sua chella e prindi la via pri andarisindi alu mundu. Et l’abati Apollo sintendu zo ki era factu si lu asdcuntrau et accustandu ad illu si...
Incipit liber «Thesauri pauperum» quem fecit magister Renaldus de Villanova. Item la limatura di lu cornu di lu chervu, datu a biviri cum vinu, non fa aviri may lindini non pidochi.
Ante portam Galilea iacebat Petrus de mala febri et dominus Ihesus Christus supervenit et dixit ei: «Petrus, ki iacet?» «Eo, domine, iaceo de mala febre». Dixit ei Iesus: «Surge et». ?Gibel ?Goth ?Gabel ?
Incomenza la epistola chi misser sanctu Iheronimo scrivi ad Eustochiu nobilissima donna romana, induchendula a santta et perfetta vita
Et però, Eustochia, sorella mia, ti fazu fini a cquista mia epistola et gradi, li quali di supra ti agiu u, et cum la solita paciencia mi perdunirai si su statu alcutantu prolixu.
Incomenza lu proemiu. Asculta, figlu, li precetti di lu to maistru et inclina l’urichi di lu to cori, e volunterimenti intendi l'ammonitioni di lu to piatusu patri
e tandu finalmenti, deffendenduti Diu, perverrai a li chui alti culmi di dotrina e di li virtuti, chi havimu supra declaratu. Amen. Finixi la regula di santu Benedittu abbati. Laus Deo.
Incominciasi il libro de' vizî e delle virtudi e delle loro battaglie e ammonimenti. Ponsi in prima il lamento del fattore dell'opera onde questo libro nasce.
e disse: "Confermiti Idio onipotente, Bono Giamboni, nella sua santissima grazia e riempiati de' preziosi doni dello Spirito Santo, sicché s'accenda e 'nfiammi l'animo tuoi nel suo amore, e facce per via delle virtudi tutte le tue operationi i
Incommenzase lo libro / de li bangni de Terra de Labore. / Inter tucte le opere Dio è sempre laudando, / Massemamente ove li homini non so’ per sé operando
Vate in Agusto, povero    may non vide civelli: / Recordete de me de tal consigllo / Ch’eo possa scrivere l’acte de to figllo.
Inprimis veni la monaca chi si voli fari, a li scaluni di lu altaru di la ecclesia, bella parata, portata cum alcunu nobili homu
Da poi si dichinu li altri dui orationi; et poy ki su dicti, chi fa la benedictioni: Domine Deus noster pastor bonus, ecc.
l
La humana generaciom e la çente de questo mondo si desiderano assai naturalmente de ordire nuove coxe e intender nuove mainiere e novelli parlari
in tanto che la veritade si è ch’ella è diversitade e differencie da le creature rasonevele che sono e hanno conversatione in terra. Veramente le creature an/ [sic]
Li gloriusi et sancti docturi, / sancto Ambrosio et sancto Augustinu, / di la Ecclesia di Deu illuminaturi
Ki spera et cridi in ti, Signuri supernu, / non sentirà may peni di lu infernu.
Lu incuminzamentu di sciencia esti a timiri Deu nostru Signuri.
«La nostra parola sia tuctu tempu graciusa et sapurita di sali», zo esti a diri ki sia dicta saviamenti. Explicit liber
o
p
PRIMU COMANDAMENTU. Lu primu comandamentu ki Deu coma[n]dau si è quistu: «Tu non adorerai diversi dei»
finirò mia materia ad honuri et gloria di lu nostru Signuri a cui sia tantu honuri et ki ni mina in sua compagnia, undi est la vita eternali in secula seculorum. Amen. DEO GRATIAS. AMEN. FINITO LIBRO LAUDETUR MARIA VIRGO.
PRIMU COMANDAMENTU. Lu primu comandamentu ki Deu coma[n]dau si è quistu: «Tu non adorerai diversi dei» 
finirò mia materia ad honuri et gloria di lu nostru Signuri a cui sia tantu honuri et ki ni mina in sua compagnia, undi est la vita eternali in secula seculorum. Amen. DEO GRATIAS. AMEN. FINITO LIBRO LAUDETUR MARIA VIRGO.
t
Tavola de tucti remedij et medicamenti
Da’ ad bevere la rasura de la yliemia / ad li cavalli et cany arrabiati et sananose.
Tuto questo che nuy dixemo mondo e cielo, è una cossa e cum un çircuito comprende si et lo universo ma è differente per le parte: unde nasse el sol fi dito oriente over nassimento, dove fy submerso occidente oveer occaso, dove el discorre mezodì
Oltra è colonia e lo fiume Gna et unde principiassemo Ampelusia monte, destendandosse in lo Nostro mar, è termino de questa opera e del lido Athlantico. Deo gracias. Amen.
u
Usança fu appo gl'antichi di scrivere i trovamenti delle buone arti e fattone libri da presentargli a' signori
Compito il quarto e ultimo libro di Vigiesio Flavio dell'ordine militario scritto e chompiuto
v
viamo el vedere che quando harà guatato ne le luxe forte, fortemente si dolerà per quelle e harà nocumento: e quando lo aspitiente arà guatato nel corpo del sole, no poterà bene guatare in esso
che semprema advenghono o in magiore parte e basta in queste che noi habiamo de bisogno dela deceptione, dele quale la cagione fia la riflessione. Ora terminiamo questo tratato el quale è fine delo libro et così gratia amisere Domenedio. Amen.